Art Basel Miami Beach, il report

⏰ lettura 6 min.

La prima Art Basel Miami Beach dall’inizio della pandemia si è chiusa sabato 4 dicembre 2021, tra segnalazioni di grosse vendite in tutti i settori dello show, con oltre 60.000 visitatori durante i suoi giorni di apertura (30 novembre-1 dicembre per la VIP preview e 2-4 dicembre per l’apertura al pubblico), questi i dati che hanno permesso alla fiera svizzera di affermarsi nuovamente anche sul territorio americano dove la fiera ha rafforzato la sua posizione di evento culturale, attirando importanti collezionisti e istituzioni da 72 paesi negli Stati Uniti, in America Latina, Europa e Africa.

Art Basel Miami Beach © Art Basel

Art Basel non ha tralasciato le visite virtuali OVR (online viewing room), ormai un tassello fondamentale che completa  l’esposizione fisica in presenza, infatti dopo i successi online di Hong Kong e Basilea, Art Basel Live ha ampliato le gallerie partecipanti dello show online al pubblico virtuale di tutto il mondo

L’edizione 2021 di Art Basel Miami Beach – la prima fiera in presenza di Art Basel negli Stati Uniti dal 2019 – ha riunito ben 253 importanti gallerie internazionali provenienti da 36 paesi e territori, presentando opere d’arte di elevata qualità, spaziando dalla pittura alla scultura, dalla fotografia alle opere digitali. 

Biancoscuro Ar Magazine ad Art Basel Miami Beach

44 gallerie hanno partecipato alla fiera per la prima volta, tra cui: Central Galeria e Galeria Estação di San Paolo, Curro di Guadalajara, Galeria Patricia Ready di Vitacura, Proyectos Ultravioleta di Città del Guatemala, Wilding Cran Gallery di Los Angeles, Reyes Finn di Detroit, Daniel Faria Gallery di Toronto e Gallery Hyundai di Seoul.

La mostra di quest’anno è stata più diversificata che mai e ha accolto quattro partecipanti per la prima volta dall’Africa, tra cui la Afriart Gallery di Kampala; First Floor Gallery di Harare / Victoria Falls; SMAC Art Gallery con sale a Cape Town, Johannesburg e Stellenbosch; e Rele Gallery con spazi a Lagos e Los Angeles.

In riconoscimento del mutevole panorama delle gallerie, quest’anno Art Basel e il suo comitato di selezione hanno alleggerito molti dei requisiti per la domanda di partecipazione, incluso il numero minimo di mostre che una galleria deve avere in un anno, la necessità di uno spazio permanente ed il numero di anni di attività. I cambiamenti hanno permesso alla fiera di accogliere una gamma più ampia di partecipanti per la prima volta, tra cui la nuovissima Nicola Vassell a New York e la Kendra Jayne Patrick Gallery.

Art Basel Miami Beach © Art Basel

La partecipazione dei collezionisti quest’anno è stata altrettanto internazionale come negli anni passati, con importanti collezionisti privati e istituzioni provenienti da 72 paesi in Nord e Sud America, Europa, Africa, Asia e Medio Oriente in visita alla fiera, oltre a importanti mecenati e curatori da oltre 170 musei e organizzazioni culturali tra cui: Blanton Museum of Art, Austin; ICA Boston; il Metropolitan Museum of Art, New York; MOCA Los Angeles; MUAC (Museo Universitario Arte Contemporáneo), Città del Messico; Museo Tamayo, Città del Messico; Nasher Museum of Art alla Duke University, Durham; New Museum, New York; Gallerie Serpentine, Londra; Museo d’Arte di Tel Aviv; Il Museo Solomon R. Guggenheim, New York; Fondazione Tate America, New York; Walker Art Center, Minneapolis; e Whitney Museum of American Art, New York.

“Questa mostra segna la prima fiera d’arte veramente internazionale che si svolge negli Stati Uniti dall’inizio della pandemia”, afferma Marc Spiegler, Global Director, Art Basel. “È stato incredibile assistere di nuovo all’energia nelle sale e all’enorme domanda repressa di vedere, acquistare e vendere arte di persona. Abbiamo presentato una gamma molto più diversificata che mai, rendendo questo spettacolo particolarmente vivace e ricco di nuove scoperte.’

Art Basel Miami Beach © Art Basel

Dopo il successo di Basilea e Hong Kong, Art Basel Live ha amplificato le presentazioni ‘in loco’ a Miami Beach, con un programma digitale comprendente sale di visualizzazione online, conversazioni in live streaming e trasmissioni sui social media che hanno trasmesso la vivacità dello show.

Art Basel ha implementato le misure sanitarie per creare un ambiente sicuro, inclusa una politica di mascherine obbligatorie all’interno della sede. Inoltre, è stato messo in atto un sistema di ingresso temporizzato per controllare l’occupazione all’interno dei padiglioni.

Numerose le gallerie che hanno condiviso il loro entusiasmo per la partecipazione all’edizione 2021 di Art Basel Miami Beach:

“Come espositore per la prima volta ad Art Basel Miami Beach e come galleria con sede a Kampala, Uganda, Africa, eravamo più che entusiasti di essere alla fiera e di farlo bene. La nostra presenza qui dimostra che il mondo si sta aprendo a una varietà di voci artistiche e lascio la fiera più ottimista sul futuro del mondo dell’arte.”

Daudi Karungi, Direttore, Afriart Gallery, Kampala

“Una grande vittoria per Miami e il metaverso questa settimana! Siamo stati entusiasti di inserire così tante opere della fiera in grandi collezioni, inclusi pezzi di Robert Nava e Marina Perez Simão con musei. Art Basel ci ha offerto nuove opportunità anche nella sfera digitale: l’incontro di menti creative e innovatori tecnologici alla fiera ha fornito carburante per i nostri artisti digitali, incluso il debutto di diversi NFT.”

Marc Glimcher, Presidente e CEO, Pace Gallery, New York, Palo Alto, Palm Beach, Hong Kong, Seoul, Ginevra, Londra

“Siamo stati così contenti di vedere Art Basel Miami Beach tornare in pieno svolgimento, e davvero incoraggiati ad aver incontrato così tante nuove persone in questa edizione della fiera. Sembrava un cambio di marcia, ancora più energia rispetto alla precedente fiera pre-pandemia. La settimana è stata sicuramente un grande successo per noi, con vendite veloci, ed è stato davvero gratificante fare di nuovo queste vendite di persona allo stand. Stiamo partendo alla grande avendo davvero apprezzato tutto ciò che la scena artistica in espansione di Miami ha da offrire.”

Thaddaeus Ropac, Fondatore, Thaddaeus Ropac, Londra, Parigi, Salisburgo, Seoul

“È stato bello tornare a Miami. L’entusiasmo tra i collezionisti, i curatori e i consulenti è stato meraviglioso e le conversazioni sono state incredibilmente vivaci: tutto un rassicurante promemoria che il mondo dell’arte è davvero una comunità e che Art Basel Miami Beach è la sua fiera principale negli Stati Uniti. Abbiamo trascorso un primo giorno fantastico con quasi 20 opere vendute, tra cui diverse, come i dipinti di Christina Quarles e Rashid Johnson, che sono andate alle principali istituzioni. Ogni opera nel nostro stand proveniva dai nostri artisti e lasciti della nostra galleria, quindi l’entusiasmo di collezionisti privati e istituzionali è stato per noi ancora più gratificante. È chiaro che l’arte americana continua a guidare il mercato con la massima qualità come stella polare sulla bussola.”

Marc Payot, Presidente, Hauser & Wirth, Hong Kong, Londra, Los Angeles, New York, Somerset, St. Moritz, Zurigo, Gstaad, Minorca

“Siamo stati entusiasti di partecipare per la prima volta ad Art Basel Miami Beach con Karon Davis. Le vendite non avrebbero potuto essere più forti, ed è stato un onore esporre con le altre gallerie del settore Positions. Non vediamo l’ora di tornare l’anno prossimo.”

Anthony Cran, proprietario, Wilding Cran Gallery, Los Angeles

“Abbiamo avuto un Art Basel Miami Beach di grande successo e siamo stati felici di essere tornati alla fiera. La qualità dei visitatori durante le giornate di anteprima è stata eccellente, con la partecipazione di collezionisti, curatori e direttori di musei di alto livello. Il ritmo leggermente più rilassato ci è piaciuto molto, dandoci la possibilità di avere conversazioni approfondite sui nostri artisti e sulle opere in mostra. Le vendite sono state molto forti su tutta la linea e abbiamo lasciato Miami di buon umore!”

Monika Sprüth, comproprietario, Sprüth Magers, Berlino, Londra, Los Angeles, Hong Kong

“La nostra prima presentazione al settore Gallerie di Art Basel Miami Beach è stata un’esperienza fantastica. Abbiamo incontrato nuovi collezionisti e ci siamo ritrovati con molti vecchi amici. Le vendite sono state forti e abbiamo inserito il lavoro per ogni artista nel nostro stand, incluso un dipinto di Jameson Green all’ICA Miami e uno stand esaurito di Ellen Lesperance Kabinett.”

Derek Eller, Proprietario, Derek Eller Gallery, New York

“Siamo tornati a Miami Beach dopo due anni con un’enorme energia e ottimi colleghi, clienti e curatori da tutto il mondo: molti vecchi e molti completamente nuovi per il nostro programma. I collezionisti statunitensi, in particolare, sono arrivati ​​con un vero desiderio di acquistare: le vendite sono state rapide e forti per un’ampia varietà dei nostri artisti e proprietà, con collocamenti in importanti collezioni private e istituzioni. Ci viene ricordato ancora una volta quanto sia di vitale importanza la fiera d’arte per la nostra comunità e il nostro ecosistema.”

Xavier Hufkens, Proprietario, Xavier Hufkens, Bruxelles

“Miami è tornata con il botto. È chiaro che c’era domanda e desiderio di vedere l’arte di persona, con conseguenti forti posizionamenti con musei e collezioni private tra cui l’acquisizione del lavoro di Dominic Chambers da un importante museo in Cina, al posizionamento di più opere di Teresita Fernández per oltre $ 1,3 milioni. Insieme alla nostra presentazione stagionale delle nuove opere di Do Ho Suh a Palm Beach, la fiera ci ha dato fiducia chiudendo il 2021 e guardando avanti al prossimo anno.”

David Maupin, co-fondatore, Lehmann Maupin, New York, Hong Kong, Seoul e Londra

“Quest’anno siamo venuti sperando e aspettando che la fiera fosse molto focalizzata sui collezionisti delle Americhe, ma siamo stati molto contenti di vedere che anche gli europei e gli asiatici sono arrivati ​​in numeri solidi. Abbiamo incontrato un certo numero di nuovi clienti e ci siamo anche rimessi in contatto con così tanti clienti in corso. I risultati sono stati davvero forti e hanno riconfermato per noi la posizione di leader della fiera negli Stati Uniti e il loro sostegno al nostro programma.”

Javier Perés, fondatore, Peres Projects, Berlino

Art Basel Miami Beach © Art Basel