Giochi di colore, Giochi di parole – Excellence Gallery – Marbella

⏰ lettura 3 min.

MonoMax (Massimo Soldi) alla Excellence Gallery – Marbella

Giochi di colore, giochi di parole nelle opere di Monomax, creare è il fulcro della sua ricerca artistica in cui il colore, la tecnica, il supporto sono solamente il mezzo per provare a rendere visibile l’interiore invisibile.
Il filo di Arianna è l’emozionarsi con il fine di emozionare, sorprendere, o semplicemente attirare l’attenzione di coloro che si accostano alle sue opere rielaborandole liberamente.
Comprendere un’opera credo non è solo ammirarla, ma reinterpretarla col proprio sentire, reinterpretando la visione dell’artista in una nuova e personale, connessa ai legami del proprio inconscio.
Il suo tentativo espressivo tende a introdurre il fruitore dell’immagine a un distacco dalla visione della realtà consueta e consolidata, inoltrandosi nel proprio e collettivo inconsueto, così da collegare i colori, le tecniche e il tratto in un personale salto dimensionale nel proprio spazio invisibile chiamato “libertà”.
La sua predilezione sono gli inchiostri, ha un motivo preciso e interiorizzato; così come la quasi totale mancanza dell’uso dei pennelli. I tre elementi che guidano le sue opere nell’uso dell’inchiostro sono l’”inizio”, la “fine” e la “traccia”.

“Ci è dato un tempo breve per creare un’opera, per farlo è necessario conoscere bene il terreno ( il supporto ), il suo comportamento e quello del medium, i tempi di evaporazione e intervento sul liquido scorrevole e poco governabile, delle tecniche di addizione o sottrazione del colore, consci che ogni intervento potrebbe produrre un risultato diverso da quello pensato, così come una macchia sfuggita al controllo rimarrebbe indelebile e incorreggibile sul supporto.
La vita insomma! Si nasce, si vive lasciando delle tracce e delle macchie indelebili del nostro percorso e si termina con la fine della nostra evoluzione; non c’è modo di iniziare nuovamente tutto, come possibile invece con acrilico o olio etc. etc., quello che si vede è il risultato, coerente o incoerente del proprio percorso. Quello che ho descritto è la spiegazione del mio personale tentativo di denudare la mente per lasciare libero spazio all’animus, all’inconscio, all’energia e alla libertà.”

(Monomax – M.Soldi)

“ l’Artista, o come preferisco dire io “l’Artigiano”, decide quando il quadro è terminato, e nel deciderlo fissa in modo perentorio la sua Opera, sia essa imperfetta o definibile ineccepibile nella sua apparente ricerca di perfezione.” (Monomax – M.Soldi)

Monomax sceglie di lasciare imperfezioni, a volte molto evidenti, per sottolineare quella parte istintiva ed emozionale che diviene parte integrante dell’Opera stessa, meglio, del gioco emozionale dell’Artigiano che, come un fanciullo, ritiene concluso il suo meraviglioso gioco di segni sulla tela, quasi un inno all’incompiuto e al tentativo di porsi come creatore… creatore dell’Imperfetto.

INFO
Giochi di colore, Giochi di parole
Mostra personale di MONOMAX (MASSIMO SOLDI)

Excellence
Urb. Alhambra del Mar n°3/Bis
29602 Marbella
Dal Dal 29 febbraio al 9 marzo 2020

www.excellenceartgallery.com