BIANCOSCURO, l’editoriale di febbraio-marzo 2020

⏰ lettura 2 min.

Il numero #38 di BIANCOSCURO è pronto per la stampa e, come sempre, attende solo il mio pezzo per l’Editoriale.

In questi giorni, già normalmente frenetici, è arrivata la notizia del ritrovamento di “Ritratto di Donna” di Gustav Klimt, rubato nel 1997 alla galleria Ricci Oddi di Piacenza. Un’opera con una storia particolare, dipinta sopra ad un precedente ritratto dello stesso autore (scoperta del 1996, grazie ad una studentessa che in quell’anno si preparava per la maturità), portata via dopo 60 anni in galleria, e ora ritrovata, pare in ottime condizioni, in una intercapedine del muro esterno della stessa galleria: mi domando da quanto tempo si si trovasse in quell’anfratto… mistero! 

A incuriosire in questo fine mese c’è stata anche ArteFiera a Bologna, giunta alla 44ª edizione. Attendevo le critiche, e infatti sono arrivate puntuali anche quest’anno, sarà che oramai il genere umano non è più capace ad essere obiettivo e tende a portare nella realtà le polemiche in stile social…

Cambio di data (un anticipo di una sola settimana per non coincidere con l’altrettanto blasonata Art Genève, ma anche per essere la prima fiera di livello dell’anno), e dunque cambio di padiglioni: una diversità che non è piaciuta agli habitué del “posto fisso”, nonostante la nuova area fosse forse più adatta alla fiera e nonostante una navetta da Piazza Costituzione all’ingresso Nord. 

Rispetto alla scorsa edizione sono anche saliti gli ingressi ed il numero delle vendite, non come negli anni d’oro, ma comunque molto soddisfacenti, un chiaro segnale che la direzione Menegoi sta dando i suoi risultati.

Buona lettura

Vincenzo Chetta Direttore Biancoscuro

Vincenzo Chetta
Direttore
BIANCOSCURO Art Magazine

ArteFiera 2020
Eva Marisaldi, “Welcome
2019