Nora Lux – Mutaforma_Fase 2_Giornata Mondiale Biodiversità

⏰ lettura 2 min.

21 maggio 2020 ore 20.00
performance in streaming e diretta Fb

Il giorno 21 maggio 2020 alle ore 20.00 Nora Lux trasmetterà in diretta Fb sul suo profilo la seconda parte della performance Mutaforma del progetto Solve et coagula, in un grande rito di sincronizzazione con la rete che divulgherà su Youtube, sulla sua pagina e su altri social il 22 maggio in occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità che vede l’artista in prima linea nel rapporto con la natura sacra e selvaggia che contraddistingue la sua opera, anche in rapporto alla difesa e alla tutela delle varie forme di vita.

Quando i mille anni saranno compiuti, Satana verrà liberato dal suo carcere e uscirà per sedurre le nazioni ai quattro punti della terra, Gog e Magog, per adunarli per la guerra: il loro numero sarà come la sabbia del mare. Marciarono su tutta la superficie della terra e cinsero d’assedio l’accampamento dei santi e la città diletta. Ma un Fuoco scese dal cielo e li divorò. E il diavolo, che li aveva sedotti, fu gettato nello stagno di fuoco e zolfo, dove sono anche la bestia e il falso profeta: saranno tormentati giorno e notte per i secoli dei secoli. Apocalisse 20 ( 7 – 10 )

I Sogni sono realtà numinose e messaggi del mondo invisibile ed i legami sincronici che si creano ci rivelano che non c’è separazione tra vita reale e sogno. La vita stessa è sogno nel quale possiamo volare, sperimentare l’impossibile e mutare forma.

Nella prima fase di Mutaforma il mio corpo è entrato in relazione con il corpo ANIMAle di un Gufo, spirito guida dell’azione, e nel mio doppio di Dea, in un cambiamento dall’inverno all’estate come un ciclo dall’oscurità alla luce che ne deriva. Un essere in divenire in un motivo gemellare di immagine riflessa e speculare che non è il mio contrario ma una parte di me, una mia identità: come il ciclo mestruale lunare non può essere separato, così questa antica saggezza della Dea si manifesta. Nella grotta paleolitica di Laussel in Francia (30.000 a.C.) troviamo un’immagine raffigurante la dea doppia: dal tempio-caverna si passa sotto la Venere di Laussel, un bassorilievo all’ingresso della caverna–grembo, nel quale sono scolpite le due figure antropomorfe,  probabilmente le dee gemelle, energia creativa che fluisce tra due donne; la rappresentazione di un parto o il ciclo stagionale dell’anno solare come calendario simbolico; le due teste come luna piena e luna nuova. Le Veneri nelle grotte rappresentano un elemento sciamanico nel quotidiano, elemento che nelle culture arcaiche era ben presente e che dovremmo recuperare per superare la frammentazione dell’ordine psichico di cui, soprattutto ora, è afflitta la nostra società. Dalla Caverna Grembo Fornace, un ventre gravido sostenuto dalle mie mani, si fa ritmo in un vaso di terracotta l’Udu. Questo strumento sacro diventa un mezzo per spiriti, antenati e divinità. L’argilla di cui è composto viene raccolta in luoghi sacri e solo le donne possono produrlo, i suoni profondi e ossessivi del tamburo sono le voci degli antenati. Sia nella materia che nella forma il vaso di terracotta, il cui “interno” risulta invisibile e quindi sconosciuto, come una grotta scavata nelle profondità della Terra, è un simbolo centrale dei misteri di trasformazione del grembo (Neumann).

Dopo la prima fase di Mutaforma nella fornace di Antonio Canova, si rinasce come “vasi appena cotti” attraverso il mio Udi di terracotta rossastra, grembo primordiale di suoni ancestrali che si trasformano, cambiando tono, aggiungendo al suo interno l’Acqua.

La performance sarà in diretta Facebook sul profilo di Nora Lux e sulla pagina Solve et coagula:
https://www.facebook.com/noralux.art

https://www.facebook.com/Solve-et-Coagula-103208448034990


Condividi e usa i seguenti

#WorldWildlifeDay  #WWD2020  #SustainingAllLife  #Biodiversity2020  #SustainableUse

Interno 14 next
roberta.melasecca@gmail.com
www.interno14next.it

Lascia un commento